Smartwatch, la tecnologia è di moda

Tic, tac, tic, tac. Il tempo passa non solo per le persone, ma anche per gli orologi.

Le care, vecchie lancette girano e se prima l’orologio era lo strumento che ti aiutava a non arrivare tardi all’appuntamento e a scandire il tempo durante una lezione noiosa. Ora come ora ti permette di rispondere ad una telefonata o di leggere un messaggio.

“La colpa” è degli smartwatch.

IDC (International Data Corporation), un gruppo mondiale specializzato nelle ricerche e analisi di mercato nell’ambito delle tecnologie ICT e dell’innovazione digitale, ha stimato che nel 2016 verranno spediti ben 28, 3 milioni di smartwatch, dove a farla da padrone sarà l’azienda di Cupertino: la Apple. Ma l’ascesa di questi device non si ferma qui, infatti entro il 2020 si stima una crescita del 31%, 82,5 milioni di pezzi.

Visti i numeri, le case di moda non restano certo a guardare, anzi cercano di stare al passo con i tempi. Da settembre 2015, Hermès e Apple si sono uniti per dar vita alla collezione Apple Watch Hermès, annunciando in questi giorni la novità di nuovi cinturini tutti rigorosamente in pelle e dai colori tipici della maison francese.

Gli ultimi ad entrare nel mercato degli smartwatch sono Michael Kors e Fossil. Il primo ha presentato Access, con modelli sia da uomo che da donna, con diamanti incastonati nel cinturino. Cinturino che sarà possibile cambiare in futuro con altre soluzioni. Il sistema operativo è Android Wear e sarà disponibile in autunno.

Fossil, dal canto suo, ha deciso di presentare una linea con sette modelli differenti. Due sono degli smartwatch veri e propri, anche in questo caso il sistema operativo è Android Wear, dal design accattivante, in linea con le caratteristiche del brand. In più, Fossil ha presentato una serie di orologi analogici, sia nell’estetica che nelle funzioni, ma con una marcia in più. Infatti attraverso il bluetooth si possono collegare al proprio dispositivo Android o iOS e ti forniscono informazioni sulla tua salute.

Fossil smartwatch

Perché limitarsi alle “semplici” funzioni di uno smartwatch, si saranno chiesti da Bulgari. Infatti un anno fa, il brand romano ha presentato il suo Diagono Magn@sium, un orologio meccanico, ma capace di costudire tutti i nostri dati più sensibili e conservarli al sicuro. In questi giorni, Bulgari ha annunciato un accordo con Mastercard e sarà quindi possibile pagare i conti attraverso l’orologio.

Avevano ragione i vecchi film di fantascienza, con un semplice device siamo e saremo in grado di svolgere molto funzioni. Il futuro è adesso.

Flavia Donati

©Foto sito Apple.com

©Foto sito Fossil.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...