Cosmesi Halal: la bellezza dell’Islam

Il mercato dei prodotti cosmetici e per la cura del corpo certificati halal, è ancora considerato un mercato di nicchia nonostante la sua rapida crescita. Secondo i dati pubblicati da TechNavio, il mercato crescerà con un CAGR del 13,7 % nei prossimi 3 anni. L’incremento della popolazione musulmana, e la crescente attenzione verso consumi etici guida il mercato Halal. Il mercato non è ancora saturo ma, anzi, offre interessanti opportunità soprattutto alle aziende europee.

Il termine “Halal” è un termine arabo che significa “lecito” e si riferisce a tutti quei prodotti che possono essere consumati dai Musulmani in accordo ai principi della Sharia espressi nel Corano. I prodotti certificati halal non contengono alcohol, non sono testati sugli animali e non contengono ingredienti derivati dagli animali nè alcuni additivi chimici non consentiti dalla religione islamica. Inoltre specifiche procedure rispettanti norme igieniche ed etiche devono essere eseguite per garantire la purezza del prodotto.

A halal certified stamp lies on a make-up table in Birmingham

Oltre il Medioriente e i paesi arabi la domanda dei cosmetici halal è principalmente in aumento nelle regioni dell’Asia pacifica. In Malesia e in Indonesia i musulmani rappresentano la maggior parte della popolazione. Ma anche l’India è un mercato particolarmente attraente  con più di 180 milioni di musulmani rappresenta, infatti, il secondo paese al mondo per popolazione musulmana.

Secondo i report di Technavio la domanda cresce anche nei paesi occidentali. La crescita della popolazione musulmana e la crescente domanda di prodotti naturali e non testati sugli animali sono fattori chiave. Halal, infatti, non significa solo conforme alla legge musulmana ma anche puro, sicuro e di alta qualità. Questi attributi infatti interessano anche i consumatori non musulmani che vogliono consumare in modo etico e attento alla salute.

VEGAN, ANIMAL CRUELTY FREE, HALAL MAKEUP LOGO

La gran parte dei prodotti certificati halal vengono da piccole e medie aziende che servono mercati regionali e nazionali. Le più importanti sono Martha Tilaar Group in Indonesia, MMA Bio Lab (Lab IMED) in Malaysia, Inika Cosmetics per Australia Europa e Nuova Zelanda e Amara Halal Cosmetics per il mercato nord americano.

Infine, la certificazione halal non è standardizzata. Ci sono differenti organismi di certificazione che operano con diverse regole da paese a paese questo rende la certificazione non trasparente e ne complica la distribuzione interazionale.

©Concession by akbarkhan.net, halalexpoeurope.com, cloversandcarousel.blogspot.com

Maria Mirella Bifulco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...