L’e-commerce bussa a casa di Arnault

A giugno il debutto di Lvmh, il colosso di Bernard Arnault, che è pronto a lanciare una piattaforma online che sfiderà i colossi dell’e-commerce. Sulla piattaforma verranno venduti i prodotti di tutti i brand controllati dal gruppo, ben 16 case di moda e accessori, oltre a sette marchi di orologi e gioielli e nove marchi del beauty, per un fatturato complessivo di 37,6 miliardi di euro nel 2016 (+5%), un utile netto per quasi 4 miliardi di euro (+11%) e che, come ha detto lo stesso Bernard Arnault: «Siamo fiduciosi che questo trend possa proseguire anche nel 2017».

LVMH-Logo

Fonte: http://travelmarketsinsider.net/lvmh-turns-in-record-revenue-and-operating-profit-in-2015-even-as-dfs-faces-uncertain-environment-in-asia/

Verrà creato, quindi, un vero e proprio store virtuale che rappresenterà una gigantesca vetrina online del gruppo.

A dirlo è FashionNetwork, che cita fonti vicine all’iniziativa. I tempi per il debutto del progetto sarebbero brevi: una versione di test è attesa tra aprile e maggio, mentre il lancio ufficiale sarebbe previsto già a giugno.

Luca Solca di Exane Bnp Paribas commenta: «L’idea di Lvmh di lanciare un portale multi-marca sotto il marchio Bon Marché, dimostra che il mercato del lusso digitale multi-marca full price è destinato a divenire sempre più affollato. Questo affollamento è un motivo in più per pensare che sarà molto difficile per i ‘pure players’ in questa area, come Net-a-porter (oggi fusa con Yoox in Ynap) di sviluppare profittabilità soddisfacente»

Evidentemente le condizioni del mercato, sempre più orientate al digitale, sia nella comunicazione che nella vendita, hanno “piegato” anche il colosso francese; il quale ha tutte le carte in regola per entrare nel mercato delle vendite online e posizionarsi anche al di sopra dei competitor.

lvmh.PNG

Fonte: https://www.lvmh.it/

Lvmh ha iniziato il suo percorso verso il digitale da settembre 2015 con l’assunzione di Ian Rogers, senior director di Apple Music e attualmente chief digital officer del gruppo.

La volontà di Arnault è stata quella di inserire una figura proveniente dal mondo della tecnologia per aiutare il colosso del lusso a sviluppare la sua presenza online.

«Ian – afferma Arnault – ha portato la sua grande esperienza nei prodotti digitali di fascia alta e il suo spirito innovativo nello sviluppo della leadership di Lvmh nel campo del lusso digitale»F

Catturamop.PNG

Fonte: https://www.lvmh.it/

Resta, quindi, solo da aspettare la sfida che si giocherà sul campo virtuale tra il colosso Lvmh e il suo antagonista per eccellenza Kering, il quale ha affidato gli e-store dei suoi marchi a Richemont, maggiore azionista di Ynap-Yoox net-a-porter group.
5703ee72ec6c6.jpg

Fonte: http://www.magazine-decideurs.com/news/le-match-lvmh-vs-kering

 

TAGS: Lvmh,  Bernard Arnault, e-commerce, digital, kering.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...