La rivoluzione, e l’evoluzione, del Fast Fashion

Il fenomeno del fast fashion rappresenta una vera e propria rivoluzione nel campo della moda, il cui punto di forza principale deriva dalla capacità di offrire nell’arco temporale ristretto, dei prodotti di tendenza con una rapida scansione temporale. Tutto questo è stato favorito dall’introduzione di nuovi sistemi tecnologici che hanno portato il nuovo consumatore ad usufruire di un guardaroba costantemente rinnovato e poliedrico. Quindi, efficacia di vendita e commerciabilità sembrano essere le parole ispiratrici delle imprese di fast fashion.

Dal 2008, la crisi economico-finanziaria globale ha costantemente modificato la forma del mercato caratterizzata da una fascia alta sempre più ristretta. È in questo contesto che lo sviluppo del fast fashion ha intrapreso una svolta decisiva.

L’ascesa del fast fashion, però, ha coinciso un lento declino della moda luxury.

Se negli ultimi cinque anni, la prima industria è stata caratterizzata da una crescita che varia dal 15 e 20% per le diverse aziende con questo modello di business, la seconda ha ottenuto una crescita media dello 0,8%. Kering, holding e polo del lusso francese, per esempio nel 2013 ha assaporato una forte decrescita degli utili pari al 95,2%. Discorde a questa situzione, invece, è l’altro polo francese del lusso: LVMH. Nonostante la difficile situazione economico-finanziaria mondiale, il gruppo di Arnault ha mantenuto i fatturati in crescita costante fino al raggiungimento degli oltre 28 miliardi di euro.

Il fast fashion, perciò, con quasi 32 miliardi di euro di fatturato, si conferma come il modello di business con maggior successo nel panorama attuale della moda, caratterizzato da una crescita sempre più incisiva ed a lungo termine.

fastfashion2-644x428

fonte: https://blog.vendhq.com/post/64901827940/how-apparel-retailers-can-compete-fast-fashion

Il nuovo consumatore, infatti, alle prese con problemi economici o con la voglia di rinnovare spesso il guardaroba, si rifugia nei grandi flagship store di Zara ed H&M: è cambiata, quindi, la mentalità di chi, adesso, preferisce un abbigliamento trendy seppur di una qualità inferiore, rispetto ad un capo costoso di una grande firma, spesso poco pratico sia come portabilità che come materiali eccessivamente ricercati.

Zara e H&M realizzano i propri fatturati adottando diverse strategie.

La prima azienda si sta concentrando su un mercato con un’età media più alta di quella tradizionale: non riveste solo le figlie, ma adesso anche le mamme.

zara-franchising

fonte: http://www.lavorofranchising.it/franchising-zara

Il brand spagnolo, infatti, sta attuando una vero e proprio upgrading, anche a causa di un rischio interno al gruppo di cannibalismo delle vendite.

I marchi di Inditex, infatti, fino a pochi anni fa non avevano una precisa diversificazione di target all’interno del mercato, perciò il rischio che si prospettava era quello di assistere a spiacevoli situazioni di concorrenza in casa. Capi trendy ma più seriosi, adesso, vanno a posizionarsi in contrasto rispetto agli altri marchi del gruppo come Pull&Bear, Stradivarius e Bershka, che invece continuano a proporre un abbigliamento giovane, ipercolorato e con un rapporto qualità-prezzo che va a collocarli in un segmento più basso.

L’iniziale accentramento dei brand di Inditex presso la solita tipologia di consumatori si sta, quindi, modificando alla ricerca di una copertura più accurata del mercato. Questa strategia provoca, così, un effetto diretto anche sui prezzi di Zara: qualità migliore rispetto al passato e design più curato hanno determinato inevitabilmente una parziale crescita dei prezzi del brand, giustificata anche dall’innalzamento dell’età di riferimento dei consumatori che, muniti di uno stipendio proprio, diversamente da chi appartiene ad un target più giovane, può intraprendere processi di acquisto in maniera più autonoma ed in relazione a capi con un prezzo più alto.

Accuratezza delle rifiniture, materiali maggiormente ricercati, accessori di tendenza e stile alla moda, ma non eccessivamente adolescenziale (come, invece, appare quello di H&M) hanno portato il brand ad un’estensione del target servito.

Questo effetto appena descritto, però, può far pensare anche ad una necessità dell’azienda di cercare maggiori entrate per poter investire in nuovi mercati ed in nuovi Paesi, creando nuovi punti vendita, unica fonte pubblicitaria che Zara utilizza.

H&M, al contrario, rimane concentrata su un segmento di mercato con un’età inferiore, ma la strategia adottata è quella della diversificazione sia all’interno del brand stesso, proponendo collezioni diverse che vadano a ricoprire le differenti richieste della clientela, sia in relazione al gruppo. Quest’ultimo, infatti, dal 2006 si è impegnato nella creazione di due diversi brand, con l’obiettivo di contrastare il nemico storico, Inditex, e nello specifico, l’upgrading di Zara. Nello specifico, COS e & Other Stories sono marchi creati per clienti diversi, con qualità (e prezzi) più alti del marchio portabandiera del gruppo, H&M.

HM-Fall-2015-Mens-Work-Style-Eddie-Klint-001

fonte: http://www.lamodauomo.com/2015/08/moda-uomo-h-propone-perfetti-outfits-da.html

Quella tra i colossi del fast fashion, quindi, è una sfida a colpi di outfit sempre più alla moda, e di miliardi di euro. Il consumatore rimane il centro delle strategie di Zara e H&M, perché è il fattore principale che riesce a modificare ed influenzare le scelte del management, che ha così la necessità di essere flessibile e consapevole di ogni processo della catena produttiva-distributiva, in modo da ridurre i tempi di ognuno di essi. La comunicazione delle informazioni, infatti, rimane il criterio basilare per avere il controllo del proprio business e, di conseguenza, del proprio successo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...